venerdì 27 aprile 2012

La Penisola del Cotentin: Cherbourg





Il Cotentin o Penisola di Cherbourg, è quella zona della Manche in Bassa Normandia che dal Canale della Manica si estende sino sotto a Granville.
E' una zona che conosciamo molto bene, avendola esplorata quanto possibile nei nostri tre anni passati a Cherbourg.

Volendo raccontare più siti, dividerò idealmente il Cotentin in più zone:
il nord con le "bout du monde" ovvero Cherbourg,
il nord-ovest con la zona naturalistica del La Hague,
il nord-est con i porti de la Val de Saire,
il sud-est con le spiagge dello sbarco,
il centro con Valognes e Coutances, i castelli e i manieri,
il sud-ovest con le coste della baia di Mont Saint-Michel e le abbazie.

SITI TURISTICI                   www.cotentin-tourisme.com
                                             www.encotentin.fr


CHERBOURG


SITI TURISTICI                  www.cherbourgtourisme.com
                                           www.ville-cherbourg.fr
UFFICIO TURISTICO         2 quai Alexandre III

Non è facile conoscere Cherbourg per esserci passati per recarsi in altri luoghi: Cherbourg ha una posizione geografica che lo penalizza un po' rispetto alle rotte turistiche, ma non tutti sanno che il transatlantico Titanic fece proprio in questo porto il suo ultimo scalo continentale prima d'intraprendere il suo viaggio oceanico.



Era poco più di una borgata al tempo di Guglielmo il Conquistatore, poi una fortezza durante le guerre franco-britanniche.

rada di Cherbourg
Luigi XIV nel 1782 fece iniziare un cantiere per costruire una diga di difesa artificiale che divenne la più grande rada artificiale d'Europa.
Napoleone III arrivò a Cherbourg con il primo convoglio ferroviario nel 1858 e fece costruire sulla rada tre forti.
Fu costruito qui il primo sottomarino francese, e nel 1933 fu costruita una stazione per transatlantici in stile art decò.

uno dei forti sulla diga






Il suo porto fu distrutto completamente nel 1944.
Cherbourg è oggi dotato di 4 porti: uno peschereccio, uno militare, uno turistico e uno commerciale.



forte sulla diga


rada di Cherbourg


via del centro





Il suo centro storico non ha conservato molto del suo passato, tranne che per piccole vie o corti.




mercato del sabato


basilica de la Trinitè
La Basilica della Trinité è stata più volte distrutta e rifatta, è in stile gotico fiammeggiante e sorge vicino al porto. Nell'interno una fonte battesimale del XV secolo e vetrate del XX secolo.
Orari: 9.00/12.00  14.00/18.30

basilica de la Trinitè
Teatro all'italiana






Il Teatro all'italiana del XIX secolo sorge sugli antichi magazzini del grano.
Noti artisti collaborarono alla sua costruzione.







abbazia du Voeu


L'Abbazia du Voeu fondata nel 1145 dalla regina Matilde, nipote di Guglielmo il Conquistatore, sorge vicino al porto, e nonostante sia molto rovinata dal tempo si possono visitare la sala capitolare, il refettorio e le cantine.

refettorio dell'abbazia

cantine dell'abbazia


sala capitolare

ingresso all'abbazia du Voeu



Il Musée Thomas-Henry , attualmente in restauro, è il terzo Museo delle Belle Arti della Normandia, con 300 capolavori tra pitture e sculture, tra le quali la "Conversione di Sant'Agostino" di Fra Beato Angelico e una trentina di opere di Millet (questo museo conserva il maggior numero di opere di questo autore dopo il Musée d'Orsay di Parigi).

CITE' DE LA MER
www.citedelamer.com
sottomarino nucleare le Redoutable
E' il sito di Cherbourg più visitato, ospitato nella stazione dei transatlantici.
Si trova un'esposizione interattiva del mondo sottomarino, un acquario abissale, il più profondo d'Europa, ed è possibile visitare con audioguide il più grande sottomarino nucleare visitabile al mondo: le Redoutable.







Orari:  28 gennaio/6 aprile        10.00/18.00
            11 febbraio/11 marzo      9.30/18.00
            7 aprile/8 maggio             9.30/18.30
            9 maggio/giugno              9.30/18.00
            luglio/agosto                    9.30/19.00
            settembre                         9.30/18.00
            ottobre/dicembre            10.00/18.00
            27 ottobre/7 novembre     9.30/18.30
            22 dicembre/6 gennaio     9.30/18.00
Costo bassa stagione (ottobre 2011/marzo 2012)  15,50€
          alta stagione    (aprile/settembre)                 18,00€


le Redoutable


un'entrata al parco Liais
PARCO E MUSEE EMMANUEL-LIAIS
All'interno di questo piccolo parco ricco di rododendri enormi e di azalee dai tantissimi fiori, con 400 specie di piante, si trova un museo che ricorda per la sua atmosfera i primi musei del XIX secolo. E' un museo di storia naturale, di archeologia e di etnologia in miniatura.
Orari: gennaio/febbraio e novembre/dicembre  8.30/17.00
           marzo/aprile e settembre/ottobre              8.30/18.30
           maggio/agosto                                            8.30/19.30
Entrata libera


rododendro del parco


azalea del parco


azalee


CASTELLO DI RAVALET
parco del castello di Ravalet
Il castello è in stile rinascimentale, ma non si può visitare che tranne alcuni sporadici e fortunati giorni.
Il parco invece è aperto al pubblico con entrata libera.
Il castello in stile rinascimentale è stato costruito nel 1575 in scisto blu.
Nel XIX secolo fu restaurato da René de Tocqueville che ne sistema anche il parco.
Il castello è tristemente famoso per la supposta storia d'amore incestuosa tra Julien e Marguerite Ravalet-Tourlaville accaduta nel XVII secolo.
Furono condannati a morte per adulterio ed incesto, e per la loro relazione furono giustiziati a Parigi.
Tourlaville
Orari del parco: gennaio/febbraio e novembre/dicembre  8.30/17.00
                           marzo/aprile e settembre/ottobre              8.00/18.30
                           maggio/agosto                                            8.00/20.00



castello di Ravalet


castello di Ravalet


castello di Martinvast
CASTELLO DI MARTIVAST
www.chateau-martinvast.fr
Questo castello privato adibito all'ospitalità lascia le sue porte aperte al pubblico che vuole ammirarne il suo parco all'inglese e il giardino alla francese.
Dopo la guerra dei cento anni l'originario castello era ridotto in rovina, rimaneva solo il dongione.








castello di Martinvast
castello di Martinvast


Fu ricostruito tra il 1579 e il 1581. Venduto nel 1867 fu trasformato in un castello neogotico che fu poi distrutto in parte da alcune bombe nel 1944. Ristrutturato ora vive nuova vita.
Martinvast
Orari del parco: 10.00/12.00   13.30/18.00
Costo 6€








porto di Cherbourg

Nel porto turistico di Cherburg vengono organizzati dei tour in barca nella rada.
www.haguepart.com
Orari: 5 aprile/13 luglio  14.00 - 15,30 - 17.00
          14 luglio/agosto    10.50 - 14.00 - 15.30 - 17.00
          settembre              14.00 - 15.30 - 17.00
    


Le Dreknor invece, un'imbarcazione ricostruita su modello di di una nave da guerra vichinga del 850 a 32 remi e con 120 mq di vele, organizza da metà aprile a metà ottobre uscite in mare di un'ora, tre ore o di una giornata, al costo di base di 13€.

Dreknor

____________________________

I ristoranti dell'elenco seguente sono una selezioni di quelli da noi provati durante la nostra permanenza a Cherbourg.
La lista potrebbe essere più lunga, ma ho cercato di "scremarla" un po' mettendo quelli che meritavano di più di essere citati.

RISTORANTE                             LE VAUBAN
                                                      www.levauban-cherbourg.fr
                                                      22 quai de Caligny
                                                      02 33 43 15 18

GIUDIZIO
Questo ristorante era certamente il nostro preferito quando abitavamo a Cherbourg.
Si trova sul porto, con vetrate che te ne offrono la visuale.
L'accoglienza della padrona de Le Vauban è stata da subito molto aperta e gentile, e già dalla nostra seconda visita si è ricordata di noi senza che noi glielo avessimo fatto notare: una vera professionista!
L'ambiente è moderno e raffinato, nei toni del grigio.
La cucina molto accattivante e non banale, era ben preparata e ci ha invitato a ritornarci.

___________________________


 RISTORANTE                             LE PILY
                                                      www.restaurant-le-pily.com
                                                      39 rue Grande Rue
                                                      02 33 10 19 29

GIUDIZIO
Classificato con una stella Michelin, questo ristorante dall'arredamento sobrio e moderno, si trova nel centro cittadino.
La cucina è certo degna di nota, ben eseguita e presentata con ricercatezza e maestria. Il servizio è attento e gentile.

_______________________________


RISTORANTE                              LA REGENCE
                                                       www.laregence.com
                                                       42 quai de Caligny
                                                       02 33 43 05 16

GIUDIZIO
E' il ristorante dell'omonimo hotel che sorge sul porto.
Fa parte della catena Logis de France ed è classificato 3 cocottes.
Lo stile è quello di una brasserie parigina, con divanetti di velluto rosso.
La cucina è sia di mare, con prodotti del pescato, sia di carne con piatti tipici della cucina francese.

_____________________________



RISTORANTE                              CAFE DE PARIS
                                                       www.restaurantcafedeparis.com
                                                       40 quai de Caligny
                                                       02 33 43 98 49

GIUDIZIO
E' il ristorante più noto a Cherbourg, soprattutto a chi si reca in città per affari.
Affaccia sul porto, come la maggior parte dei ristoranti, ed è arredato con discreta eleganza.
La cucina non si distacca molto da quella classica offrendo prodotti del pescato molto freschi.

________________________________


RISTORANTE                              LA SATROUILLE
                                                       26 quai de Caligny
                                                       02 33 43 13 76

GIUDIZIO
Questo ristorantino tipo bistrot, è posto di fronte al porto peschereccio.
Non essendoci posto ai tavoli abbiamo cenato al bancone potendo così carpire i segreti della cucina condotta con abili mani.
Abbiamo degustato un ottimo astice, cucinato in modo semplice ma in maniera corretta e saporita, come del resto gli altri piatti di mare.
                                                      
____________________________


RISTORANTE                              L'ANTIDOTE
                                                       www.restaurant-cherbourg.fr
                                                       41 rue Au Blé
                                                       02 33 78 01 28

GIUDIZIO
Un ristorante giovanile molto colorato e allegro.
La sua cucina è tradizionale con degli spunti orientali, facendo uso di spezie.
 
_____________________________

RISTORANTE                             LE PANTAGRUEL
                                                      43 rue de la Tour Carée
                                                      02 33 03 08 31

GIUDIZIO
Nel centro della città, è un ristorantino arredato in modo semplice su due piani, con un camino che ti accoglie appena entri con profumi genuini.
E' il posto giusto per chi ama la carne cotta alla brace accompagnata da patate al cartoccio.

_____________________________


PATISSERIE                                FOUCHER JEAN-FRANCOIS
                                                       www,patisserie-foucher.com
                                                       12 rue au Fourdray  Place Centrale
     
GIUDIZIO
Era la nostra pasticceria preferita, dove ci piaceva far colazione con una buonissima cioccolata il sabato mattina, prima di fare acquisti alimentari al mercato che in questo giorno si tiene nella piazza antistante.
Tutte le creazioni di pasticceria, di cioccolateria e da tè sono eccellenti, con accostamenti di sapori ed ingredienti fuori dal comune.
E' una vera boutique della golosità, dove anche le confezioni non banali appagano i sensi.
Si esce sicuramente da questo regno dolce niente affatto pentiti di doversi poi mettere a dieta, appagati dai suoi ottimi prodotti.
                                                      
________________________________


PATISSERIE                                YVARD
                                                      www.patisserie-yvard.com
                                                      5 place de la Fontaine

GIUDIZIO
E' una deliziosa pasticceria aperta nel 1973 con decoro anni '20.
Nella sua piccola sala da tè si può passare un dolce pomeriggio degustando i suoi dolci, graditi anche da J.Prevert che amava passare del tempo in questo luogo.


CURIOSITA'                   
A Cherbourg si fabbricano ombrelli famosi nel mondo.
Nel 1964 venne girato un film a Cherbourg con Catherine Deneuve: "Les Parapluies de Cherbourg".
Le riprese di questo film furono viste da J.Pierre Yvon che volle inventare un ombrello con il nome del film.
Nel 1990 un giapponese comprò la licenza e aprì proprio a Cherbourg una fabbrica di questi ombrelli.
Sono ombrelli molto resistenti al vento e molto ben rifiniti.

negozio dei famosi ombrelli


CONCLUSIONI 
Un giudizio pienamente obbiettivo su Cherbourg non posso darlo, visto che vi abbiamo abitato e lasciato un po' il cuore.
Posso solo dire che per come ce ne avevano parlato, per il suo clima umido-piovoso-ventoso e per il suo provincialismo, eravamo un po' prevenuti all'inizio del nostro trasferimento, ma devo dire che poi questa cittadina ci ha conquistato, e ora la ricordiamo con nostalgia.



3 commenti:

Marty ha detto...

Un Bourg a noi molto Cher... Beh, io non faccio testo, nostalgica per natura, ma un po' mancano perfino a me, per quel poco che ci son stata. Bei posti, diversi da qui. Ma si è sempre in tempo e in condizioni per tornarci prima o poi.. pourquoi pas?!

Alessia Gemmo ha detto...

Siamo di passaggio per un paio di gg perché era una delle parti della Francia che mi mancava di vedere...Grazie per la tua completa recensione è molto utile a noi girovaghi

Raffaella ha detto...

Sono felice di esservi utie...che nostalgia per quei luoghi a me cari!
Buona "girovagata" allora!

Posta un commento